La Piazza della Biodiversità accoglie e presenta prodotti di montagna provenienti da tutto il mondo. La trovate in fondo a via Marconi, sotto l’ala dell’ex Mercato dei Polli di Bra

Nella Piazza della Biodiversità potete scoprire formaggi, mieli, ortaggi, legumi, tuberi, frutta, erbe spontanee e molti altri prodotti coltivati o raccolti nelle terre alte di tutto il pianeta: dalle Ande al Caucaso, passando per Pirenei, Alpi e Appennini.

La cucina allestita nella piazza vi offre l’opportunità di assaggiare, ogni giorno, alcune specialità gastronomiche legate alle tradizioni montane e preparate dai cuochi della rete Slow Food. Il focus sulla montagna è legato all’urgenza di salvaguardare la straordinaria biodiversità (di ecosistemi, varietà vegetali, razze animali, cibi, culture e conoscenze) conservata nelle aree montane; luoghi che, purtroppo, sono spesso abbandonati, poco valorizzati e quindi sempre più fragili.

Tutti voi, potete partecipare attivamente alla realizzazione di quest’area, portando un prodotto di montagna da esporre e far conoscere. Accendere un faro su questi prodotti significa valorizzare il territorio da cui provengono, la storia delle generazioni che li hanno accompagnati fino a noi e delle persone che li custodiscono con costanza e tenacia. Alcuni di questi prodotti, inoltre, potranno salire sull’Arca del Gusto di Slow Food.

Quando:

Venerdì, sabato e domenica dalle 10 alle 21.30
Lunedì dalle 10 alle 20

Ecco il calendario completo degli appuntamenti previsti presso la cucina di montagna

Venerdì 18

Ore 12 – Cucina di montagna (Piazza della Biodiversità, ex Mercato dei polli). Moreno Janda, del ristorante La Bussola da Gino di Catena di Quarrata (Toscana) prepara piatti legati alle tradizioni gastronomiche di alta quota. Ingresso a pagamento fino a esaurimento posti. Prenotazione alla cassa.

Ore 19 – Cucina di montagna (Piazza della Biodiversità, ex Mercato dei polli). Meret Bisseger, del ristorante Casa Merogusto (Svizzera) prepara piatti legati alle tradizioni gastronomiche di alta quota. Ingresso a pagamento fino a esaurimento posti. Prenotazione alla cassa.

Sabato 19

Ore 12 – Cucina di montagna (Piazza della Biodiversità, ex Mercato dei polli). Annarita Di Nunno, del ristorante Locanda delle Tre Chiavi di Isera (Trentino) prepara piatti legati alle tradizioni gastronomiche di alta quota. Ingresso a pagamento fino a esaurimento posti. Prenotazione alla cassa.

Ore 19 – Cucina di montagna (Piazza della Biodiversità, ex Mercato dei polli). La Condotta Slow Food di Gap Colporteur (Francia) prepara piatti legati alle tradizioni gastronomiche di alta quota. Ingresso a pagamento fino a esaurimento posti. Prenotazione alla cassa.

Domenica 20

Ore 12 – Cucina di montagna (Piazza della Biodiversità, ex Mercato dei polli). Sylwester Lis, dell’hotel Bukovina (Polonia), prepara piatti legati alle tradizioni gastronomiche di alta quota. Ingresso a pagamento fino a esaurimento posti. Prenotazione alla cassa.

Ore 19 – Cucina di montagna (Piazza della Biodiversità, ex Mercato dei polli). Thomas Zwink, del ristorante Dorfwirt Unterammergau (Germania), prepara piatti legati alle tradizioni gastronomiche di alta quota. Ingresso a pagamento fino a esaurimento posti. Prenotazione alla cassa.

Lunedì 21

Ore 12 – Cucina di montagna (Piazza della Biodiversità, ex Mercato dei polli). Carlo Rocca, Osteria Paschera dal 1894 (Piemonte), prepara piatti legati alle tradizioni gastronomiche di alta quota. Ingresso a pagamento fino a esaurimento posti. Prenotazione alla cassa.